EMILIO AVERSANO PIANOFORTE PREZIOSO TRA NAPOLI E VIENNA

 

di Enrico Parola
Corriere della Sera – 26 febbraio 2016

“Com’era bella Napoli vista da Vienna”. L’imperfetto, per Emilio Aversano (nella foto), sottolinea quanto purtroppo l’oro di Napoli oggi non luccichi più come nel ’700, “Quando era una capitale europea della cultura, ma l’arte ci testimonia quella straordinaria fioritura”. Il 49enne salernitano lo racconta con la musica: “Viaggio musicale da Napoli a Vienna” titola il programma che impagina per venerdì 26 le Serate Musicali al Conservatorio (via Conservatorio 12, ore 21, € 15-20) e che parte da sue Sonate del napoletano Scarlatti per arrivare a Mozart, Beethoven e Schubert, che si consacrarono nella capitale austriaca. “Nel suo viaggio di formazione in Italia, Mozart sostò a Napoli e rimase profondamente impressionato dall’opera napoletana: apro il concerto con la Fantasia in re minore, che è una struggente romanza, un’aria lirica; è curioso notare come la canzone napoletana dell’800 sembri a sua volta guardare alla melodia mozartiana”. Da Mozart a Beethoven, con le Sonate “Tempesta” e “Appassionata”: “Ovvero Sturm und Drang, il movimento preromantico tedesco che ci introduce all’800: sono titoli emblematici di questo passaggio, così come Schubert, di cui ho inserito l’Improvviso op.90 n.3, è il ponte tra Beethoven e il pieno romanticismo”. Un programma pensato e quasi pensoso che potrebbe sorprendere se proposto da un pianista che ha abituato il pubblico delle Serate Musicali a prestazioni clamorose: quattro concerti per pianoforte e orchestra in una volta e poi addirittura cinque, tutti di grande virtuosismo, tra Ciajkovskij, Rachmaninov, Liszt e Schumann. “Sembrerà strano ma non inseguo il virtuosismo, non cerco di eseguire un brano il più velocemente possibile; anzi, la velocità in sé non ha senso: ogni brano ha un suo metro, che l’interprete deve trovare domandandosi che cosa un autore intendesse usando certe note e scegliendo una dizione, Andante, Allegro o Vivace che sia. Così anche i bis: non è un’appendice circense ma il coronamento di un percorso: un Notturno di Chopin sarebbe il traguardo ideale di questo viaggio partito da Napoli”.

Ultime News

 

 - BUDAPEST, Sala Verdi dell'Istituto italiano di cultura

 20 Febbraio 2020 

 Quartetto d'archi della MAV Symphony Orchestra Budapest

  Pianista Emilio Aversano

 
 - PALERMO, Teatro Politeama

 30 Marzo 2020 

 I Solisti della Scala

 Pianista Emilio Aversano

 

 - NAPOLI , Auditorium dell'Osservatorio Astronomico di Capodimonte

 8 Maggio 2020

 I Solisti della Scala
 Pianista Emilio Aversano

 

 - MILANO, Teatro alla Scala

 11 Maggio 2020  

 Solisti della Scala

 Pianista Emilio Aversano

 

 

 

lascala21

lascala22

  

 569585164bf57f8a1e8703b19497bdbc XL

Amadeus Ottobre 2015

Guarda lo spot Leggi l'articolo

 

 

facebook youtube

 

Recensioni

  rec1rec2rec3